LA NOSTRA ATTIVITA' DI  GIUGNO/LUGLIO  2016 :

 

 

 Appuntamenti CHA

Giugno - Luglio  2016

 

 

Ancora tante nuove attività, nel calendario estivo di Cha.

Segnale nella tua agenda.

Ti aspettiamo! ;)

 

Conosci il tuo bambino interiore 

 

Domenica 19 Giugno ore 10-18

con Tapani Mononen e Laura Pino

 

C'è un bambino in ognuno di noi che ha bisogno d'essere liberato. Con l'aiuto di Tapani e Laura avrai la possibilità di scoprire la tua parte più vera e di consentirle di esprimersi oltre i condizionamenti familiari. Lì c'è il tuo potenziale, la chiave per accedere all'immenso serbatoio di energia che possiedi e che può manifestarsi da subito.

Durante la giornata, se lo desideri, potrai anche provare una seduta individuale o di gruppo sul tuo bambino interiore.

 

Iscrizioni entro venerdì 17 giugno

tel. 388/0496240 o tapanino@hotmail.com

 

Il bambino non muore mai... Nulla mai muore. Il bambino c'è, è sempre presente, ricoperto da altre esperienze (...) Tu sei semplicemente come una cipolla, strato su strato, ma se sbucci la cipolla, al suo interno troverai strati freschi. Continua, vai sempre più in profondità e troverai strati più freschi. La stessa cosa vale per l'uomo (...) E contattare questo bambino innocente è terapeutico. 

_Osho

 

"La mia storia - Una risorsa"

 

Serata sull'abuso e presentazione del percorso terapeutico

Venerdì 24 giugno ore 20.30

 

“Non so come sarei senza la mia storia e non ci penso neanche. Sono quello che sono, e oggi sento fortemente la spinta a condividere questa mia incredibile esperienza, che è alla base di tutto il mio bagaglio umano e professionale”.

Tapani Mononen

 

 

 

Un abuso sessuale subito per anni, da bambino, da parte dello zio. Anni di buio, violenza, solitudine, silenzi. Tutto quello che gli occhi, il corpicino e l’anima di un bimbo non dovrebbero mai nemmeno immaginare. E, in seguito alla morte del suo aguzzino, per molti anni ancora, quel bambino, poi ragazzino e uomo, si è negato il ricordo di quell’atrocità, ricacciandola in un angolo buio della memoria. Troppo dolorosa da credere reale. L’ha nascosta agli altri per tacerla a se stesso.

 

Sono passati 40 anni. Alti e bassi, cadute e risalite, un percorso personale, terapeutico, artistico, umano straordinario. Oggi, Tapani Mononen, regista, attore e teatroterapeuta finlandese trapiantato a Buja (UD), ha trovato nella sua storia la risposta e la motivazione per il suo lavoro e per tutta la sua vita. Ha portato alla luce il suo vissuto, deciso ora a metterlo al servizio degli altri.

 

Venerdì 24 giugno, dalle ore 20.30, al Centro Cha di Tricesimo, Tapani presenterà il progetto “La mia storia una risorsa”, prima edizione di un vero e proprio percorso terapeutico sull’abuso, con tecniche di Gestalt, che prenderà il via in autunno. L’appuntamento vuol essere un momento di condivisione e confronto sul tema della violenza e delle manipolazioni e aggressioni, fisiche e psicologiche, che si consumano ogni giorno nell’omertà, a scapito di bambini, adolescenti, adulti, persino anziani. Un'occasione per non voltare lo sguardo di fronte al dolore e alle ferite che restano impresse nelle vittime di abuso, ma soprattutto per comprendere la possibilità di alzare la testa, e che tali ferite possono essere sanate e trasformate, addirittura, in risorsa.

 

“Con il mio lavoro voglio testimoniare che per quanto dolorosa, qualsiasi cosa ti sia successa può diventare la preziosa opportunità sulla quale ricostruire un senso autentico della tua esistenza”, spiega Tapani Mononen.

 

Oltre a lui, interverranno alla serata Psicologo Psicoterapeuta Analista Transazionale (CTA) Massimo Mortella, Paola Bezzo, rebirther transpersonale, e Laura Estella Pino, massaggiatrice olistica.

 

L'ingresso è libero.

 

Teatro consapevole, performance finale del laboratorio

 

Mercoledì 29 giugno ore 20.30

 

Una serata con qualcosa di preparato, qualcosa di improvvisato, qualcosa da raccontare.

I partecipanti al laboratorio e il loro conduttore, Tapani Mononen, vogliono condividerla con voi.

 

L'ingresso è libero.

 

Gli altri appuntamenti:

«Tocca a me» (Compagnia Maperché)

spettacolo teatrale per la regia di Tapani Mononen

giovedì 30 giugno, ore 21

al parco Ardito Desio 

in via Val D'Arzino a Udine

nell'ambito di «Udine Estate»

 

Corso di clown 1-3 luglio

 

Campus "L'artista consapevole" 26-31 luglio

 

Save the date!

 

 

Serata all'aperto con DRUMCIRCLE venerdì 8 luglio

------------------------------------------------------------------------------------------------

info e iscrizioni: Tapani Mononen 388 0496240

tapanino@hotmail.com

www.creativehealingarts.org

facebook: CHA Creative Healing Arts

 

CHA Creative Healing Arts Complesso San Giorgio, via San Giorgio 44 Tricesimo (UD)

 

Aretusa, Daniele, Emma e Mikael

 

vogliono condividere con voi la loro creazione

 

" viaggio in africa"

 

offerta libera

 

il ricavato sarà devoluto ad un progetto 

per i bambini d'africa


COMPAGNIA Ma Perché : " Tocca a Me "

 

Stefano Andreutti,

Marcello Fares,

Marianna Fontanelli,

Tapani Mononen

 

PROSSIMA DATA:

GIOEVDI 30 GIUGNO ORE 21

 

giovedì 30 giugno, ore 21

al parco Ardito Desio 

in via Val D'Arzino a Udine

nell'ambito di «Udine Estate»

 

 

 

 

 

 

 

 

La compagnia nasce nel 2015 grazie all’incontro di quattro artisti che si sono formati con dei percorsi artistici ben differenti fino ad allora. Un bel giorno si trovano seduti intorno ad un tavolo e decidono che è arrivato il momento di mettersi in gioco in una nuova avventura e scoprire le innumerevoli possibilità di creare, imparare, giocare e collaborare insieme

Stefano Andreutti

Marcello Fares

Marianna Fontanelli 

Tapani Mononen

 

 

FILOSOFIA

Il centro accoglie tante cose dentro di sè, ha un cuore pulsante, un’anima viva e una passione travolgente.

Attraverso un approccio olistico vuole favorire e promuovere la crescita personale e la consapevolezza.

Ogni sua attività è orientata al benessere della persona e alla valorizzazione delle sue potenzialità.

Il benessere è inteso in senso ampio: realizzazione piena di ciò che possiamo essere in ogni ambito della vita.

Il centro è un luogo di ritrovo, di cultura e di diffusione di un modo diverso dello stare insieme.

Uno spazio per nutrire il corpo, la mente, lo spirito, dove poter crescere insieme, confrontarsi, condividere, esprimersi, creare nuove idee.

Uno spazio per gli adulti, quindi, ma anche per i bambini, dove possano giocare, sperimentare, apprendere in modo gioioso e spontaneo.

Il centro si propone come punto di riferimento per il territorio e per le persone che vogliono assaporare qualcosa di nuovo, sentono il desiderio di reinventarsi e riscoprirsi per mezzo della fantasia e di nuove esperienze, ognuno ascoltando il proprio cuore e riconoscendo i propri limiti.

Amore e generosità, passione, professionalità creatività , per tutte la tasche e per tutte le teste: questi sono i principi che muovono questo progetto.


Il progetto vuole stimolare anche un nuovo modo di vedere il posto di lavoro, e creare le condizioni per farne il luogo dove si lavora con amore e con piacere, e non per dovere.


Per questo il progetto punta ad essere altamente innovativo.

Vuole  testimoniare che, qualsiasi cosa ci sia successa nella vita, è sempre possibile farne tesoro e rialzarsi:


è davvero possibile creare quello che si desidera.



centro di eccellenza della crescita personale, delle arti e della formazione per il futuro